5028a44eb655e101dd25720970f9dfd8.svg  info@secutek.it       Consegna e pagamento       Tutto sullo shopping       Blog        Notizie

In viaggio con i bambini

Bambini perduti e tecnologia moderna

‎Da un lato, viaggiare con i bambini è una fonte inesauribile di avventura, esperienza e trascorrere del tempo prezioso insieme. D'altra parte, in molti casi è una prova di pazienza dei genitori e, soprattutto, la capacità di organizzare piccoli bambini curiosi che possono facilmente perdere la cognizione del tempo e dello spazio, specialmente in luoghi sconosciuti. Inoltre, molti di noi stanno attualmente affrontando o affronteranno questo problema in futuro: a che età e in quali situazioni i bambini dovrebbero essere autorizzati a viaggiare da soli o in un gruppo di altri bambini? Alcuni genitori sono più preoccupati e cauti in questo senso, altri più coraggiosi e liberali. Tuttavia, entrambi i tipi sono afflitti da una paura naturale che non accadrà nulla di male al bambino, indipendentemente dal fatto che si tratti di un bambino di otto anni che si reca a scuola con diversi mezzi di trasporto, o di un adolescente che non è d'accordo con il programma concordato di ritorno dalla discoteca o dimentica regolarmente di inviare un messaggio ai suoi genitori con informazioni su dove sta andando per il fine settimana con gli amici.‎

‎"Cosa abbiamo dimenticato? A Kevin!"‎

‎Non c'è da stupirsi che i genitori nel caso di bambini randagi, persi o dimenticati attacchino i pensieri e gli scenari più oscuri. Ad esempio, possiamo usare il piccolo Kevin McCallister, il bambino scomparso più famoso. In questo caso, la paura di comportarsi con il figlio cattivo era completamente inutile, dal momento che era in grado di godersi il tempo separato dai suoi genitori e dai fratelli spiacevoli che trascorrevano le vacanze da soli in un hotel di lusso. Si divertiva a proteggere la casa da pericolosi, anche se un po' imbarazzanti, ladri. E in che modo la commedia americana di culto si relaziona con la realtà? Fortunatamente, il fatto è che non vediamo solo un lieto fine nei film di Natale, ma anche nella maggior parte delle storie reali sui bambini scomparsi.‎


‎Fortunatamente, la maggior parte dei bambini può essere trovata‎

‎Secondo le statistiche della polizia, di solito un bambino scomparso viene trovato e ritorna in sicurezza dai suoi genitori entro poche ore. Di solito anche prima che la polizia inizi la ricerca. Qualsiasi genitore che ha attraversato una situazione del genere confermerà sicuramente che vorrebbe evitare esperienze simili in futuro. Non sorprende che in una situazione del genere, diverse decine di minuti siano percepiti come eternità e il lato razionale del ragionamento sia subordinato alle emozioni. Come evitare in modo sicuro il test nervoso indesiderato descritto? In che modo la tecnologia di sicurezza può aiutare? Da dove trarre ispirazione? Nei paesi occidentali, i motori di ricerca GPS sono sempre più utilizzati per prendersi cura dei bambini, il cui uso estensivo è già stato descritto nel nostro blog in diversi articoli precedenti. Uno dei gadget più popolari sono gli orologi GPS, particolarmente popolari tra i bambini di età superiore ai tre anni. Grazie all'applicazione mobile, inviano informazioni in tempo reale sul luogo in cui si trova attualmente il bambino. Non appena il bambino lascia l'area sicura designata, la notifica viene immediatamente inviata ai genitori, in modo simile a quando l'orologio è insolito. Un orologio speciale è inoltre dotato di una funzione di allarme di emergenza se il bambino è in pericolo.‎

‎Tecnologia spia e assistenza all'infanzia‎

‎Si può sostenere che non è appropriato associare la questione della sicurezza dei bambini alle attrezzature di spionaggio. Tuttavia, se si presume che questa tecnica non sia abusata, ma venga utilizzata razionalmente e al fine di aumentare la sicurezza dei propri figli, è difficile identificare l'uso dell'assistenza tecnica come comportamento non etico. Non molto tempo fa, nelle nostre regioni geografiche, consideravamo i baby monitor come un modo temporaneo che inizialmente ha portato alcuni genitori a sostenere che non c'erano state tali sfide prima e che i genitori erano in grado di crescere i loro figli in modo efficace e sano. Un baby monitor elettronico è attualmente una parte standard delle apparecchiature dei genitori e non è considerato inutile. ‎
‎ L'importante è che gli psicologi siano d'accordo: non si affidano solo alle moderne tecnologie quando si prendono cura dei bambini.‎